Gli indispensabili.

Avete mai focalizzato l’attenzione su ciò che è indispensabile nella vostra esistenza, e per indispensabile non intendo il golf in cashemere a settembre o la camicia di lino a luglio, con le Birkenstock e lo smalto rosso, che seppure appartengano alle “BASI”, alle volte non bastano?

Avete mai pensato a quanto alle volte, il messaggio del buongiorno, il sorriso malizioso in mezzo alla gente ignara, le dita che si sfiorano, le anime che si intrecciano siano davvero gli essenziali di una vita intera?

Avete mai pensato al fatto che vorreste poter accettare le scadenze che una vita miserabilmente terrena ci cadenza, schiaffeggiando i nostri sogni più belli?

Avete mai pensato al fatto che tutto questo rimarrà sempre parte della vostra memoria, anche quando non ci sarà più tempo e spazio, e allora dovremo combattere con ciò che più ci schiaccia: la memoria?

Quella memoria fatta di odori, sapori, profumi, tremolii alla bocca dello stomaco, inappetenza cronica, senso di spossatezza misto a batticuore. Quella memoria che per quanto possa aprire le porte, le finestre, cambiare le lenzuola e profumo saranno sempre li, a fare capolino tra una risata e un gin tonic, tra un abbraccio con Arianna e la voglia di voltar pagina sarà li, a ricordarti che per tutto c’è un inizio e inesorabilmente ci sarà una fine, che seppure non è quella che tu avresti voluto, sarà quella che dovrai accettare.

 

 

Salva

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...